Il progetto “Delitti allo specchio”

 

“Un gioco di specchi tra vittime, assassini e modus operandi
Un labirinto dove i vicoli ciechi, molto spesso, sono creati da chi dovrebbe abbatterli
Seguiteci e insieme torneremo all’essenzialità dei fatti.
Alla verità.”

Analizzare, capire, indagare e mettere a confronto alcuni dei più famosi e dibattuti casi della cronaca nera italiana. Attraverso la studio delle carte processuali e degli atti di indagine, le autrici vi guideranno nella ricerca della verità al di là di ogni ragionevole dubbio.
Nella collana “Delitti allo specchio” verranno affrontati, di volta in volta, coppie di casi per molti aspetti simili: omicidi tra ragazzi, femminicidi, infanticidi etc. Questo tipo di narrazione permetterà di comprendere, al di là della singola vicenda, alcuni degli elementi chiave che caratterizzano le diverse tipologie di crimine. Il tutto allo scopo ultimo di rendere giustizia e dignità alle vittime.

Le autrici della collana e contatti

Dott.sa Roberta Bruzzone

 

Psicologa forense, criminologa investigativa ed esperta in Criminalistica applicata all’analisi della scena del crimine, docente di Criminologia, Psicologia investigativa e Scienze forensi presso l’Università LUM Jean Monnet di Bari, svolge da anni attività di docenza sulle forme criminali emergenti con particolare riferimento ai rischi che si corrono online.

È consulente tecnico nell’ambito di procedimenti penali, civili e minorili e si è occupata di molti tra i principali delitti avvenuti in Italia.
È presidente dell’Accademia Internazionale delle Scienze Forensi (AISF - www.accademiascienzeforensi.it) e docente accreditato presso gli istituti di formazione della Polizia di Stato e dell’Arma dei Carabinieri. È vicepresidente dell’Associazione “La caramella buona ONLUS”, che si occupa di sostenere le vittime di pedofilia. Svolge inoltre attività di docenza specialistica in numerosi master e corsi di perfezionamento universitari. Per Imprimatur nel 2016, con l'avvocato Emanuele Florindi, ha scritto Il lato oscuro dei social media.

Dott.sa Valentina Magrin

 

Filosofa, specializzata in analisi delle fonti documentarie e giornalismo investigativo. Esperta in scienze forensi, criminologia investigativa e criminal profiling, è membro dell’Accademia Internazionale di Scienze Forensi. È curatrice del portale www.cronaca-nera.it. Ha lavorato in diverse redazioni di programmi TV, tra cui “La scena del crimine” (TeleRoma56), “Chi l’ha visto?” (RAI3) e “Linea Gialla” (La7). Ha preso parte alla produzione dei documentari “Ezio Tarantelli, la forza delle idee” (di Monica Repetto per Deriva Film, 2010) e “Tina” (di Anna Vinci per Ila Palma e Rai 3, 2013).

È autrice di numerosi articoli per il web è la carta stampata. Ha scritto insieme a Fabiana Muceli “La chiave di Cogne. Come si occulta una semplice verità quando il delitto diventa mediatico” ( Cavallo di Ferro Editore, 2008). Nel 2017 ha firmato, con la genetista Marina Baldi, il quinto capitolo - “La tutela del genoma umano” - del Trattato di diritto e bioetica (Edizioni Scientifiche Italiane).

Per informazioni e per contribuire al progetto

info@delittiallospecchio.it

Nome e cognome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Telefono

Dove ci hai conosciuto? (richiesto)

Le tue richieste

Share This